istitutogift8

Exploring Meditation

Esplorare, con l’esperienza diretta, i vari approcci con cui la meditazione realizza i suoi obiettivi: osservare la mente mentre costruisce la realtà, notare i dettagli che le sfuggono e infine aiutarci a vedere la realtà. Così com’è. Scopo del ciclo è fornire un quadro quanto più possibile diretto e chiaro dei vari approcci della meditazione, come questi sviluppano e sostengono l’attenzione, la concentrazione e la consapevolezza. Queste abilità ci sostengono in principio a osservare la mente, mentre, in modo automatico, dà significato al mondo e a noi stessi e, in seguito, a accedere ad una visione più nitida della realtà. Per i novizi è una occasione pratica per scoprire le varie tecniche di meditazione e scoprire quella più congeniale. Per i praticanti avanzati, il ciclo sarà occasione per praticare insieme e rinnovare così la motivazione, per esporre i propri dubbi, le incertezze, condividere le impasse della pratica con insegnanti esperti. Il ciclo si sviluppa da novembre a marzo, in tre moduli di due giornate ciascuno.

Moduli

Nel primo modulo Luisa Lazzarotto, proporrà un modello integrato di sostegno e radicamento della consapevolezza, composto dalla pratica Yoga e dalla meditazione Vipassana.

Nel secondo modulo, Paolo Mori, farà esperire le differenze e le integrazioni fra pratica di concentrazione Samatha e quella di visione profonda Vipassana.

Nel terzo modulo, Ven. Constance Miller, ci aiuterà a comprendere l’importanza della gentilezza, dell’apertura e della compassione nell’affrontare qualunque tipo di meditazione: questi atteggiamenti vanno coltivati prima di tutto verso se stessi, per poterli applicare poi anche verso gli altri.

Prenotazioni

Tramite SMS al 335.5618001 entro il 28 ottobre 2016; indicate il programma per cui volete prenotarvi e i vostri dati (ad es.: Meditazione 2017, nome/cognome; principiante/avanzato). Dato il numero limitato di posti (20), il criterio di selezione sarà l’ordine cronologico di arrivo dei messaggi.

Per ulteriori informazioni/richieste: info@istitutogift.it e segreteria@istitutogift.it

– Quando

2016: 19/11; 3/12 Luisa Lazzarotto

2017: 21/01, 04/02, Paolo Mori; 18/02, 11/03, ven. Constance Miller.

Materiale

Chi ha cuscino o panchetto personale può portarlo.

Modi

Le giornate prevedono un alternarsi di varie sessioni secondo il modello proposto dall’insegnante, che può chiedere il rispetto del nobile silenzio.

Pranzo

Ciascun partecipante porta il cibo per sé e per un’atra persona. Stoviglie, posate e bicchieri sono di carta.

Costi

– Per l’organizzazione e le spese generali, il costo di iscrizione è di 30 a persona per tutte e sei le giornate.

– ogni giornata prevede una libera donazione per gli insegnanti a riconoscimento della passione, del tempo, e della generosità che mettono a disposizione. Per i monaci e le monache, queste rappresentano anche il loro mezzo di sostentamento.

Luisa Lazzarotto

Pratica la meditazione Vipassana da 18 anni sotto al guida di validi insegnanti di Dhamma, sia monaci che laici, tra cui Bhante Sujiva (da cui ha ricevuto l’autorizzazione a insegnare), Ven. U Vivekananda, Bhante Bodhidhamma, Beate Gloeckner, Hannes Huber e Brother Dassana. È insegnante di yoga da oltre 20 anni; si è formata presso la Scuola di Yoga Satyananda Italia (Torino) e ha seguito per molti anni gli insegnamenti di Swami Gurupujananda Salassati su Asana (posizioni), Pranayama (tecniche di respirazione), Yoga Nidra (rilassamento profondo), tecniche di purificazione, Nada Yoga, Kriya Yoga e tecniche di meditazione. (Info: www.Pian dei Ciliegi.it).

Paolo Mori

Paolo Mori, ha incontrato il Dharma alla fine degli anni ’70, ricevendo insegnamenti all’Istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia e in India da Maestri quali Lama Thubten Yeshe, Lama Zopa Rinpoche, Kiabje Zong Rinpoche, Geshe Jampa Gyatso e Geshe Yeshe Tobten. A partire dagli anni ’90 ha iniziato ad approfondire la tradizione Samatha-Vipassana con vari insegnanti, in particolare John Coleman (tradizione Sayagyi U Ba Kin), poi frequentando il centro ritiri Gaia House in Inghilterra, e partecipando a ritiri con Alan Wallace. E’ operatore shiatsu, e presidente del Centro Terra di Unificazione Ewam (Firenze). Di professione agronomo, impegnato in programmi di cooperazione internazionale, ha collaborato a lungo col Governo Tibetano in Esilio di SS il Dalai Lama nella gestione di programmi di sviluppo in agricoltura biologica per i rifugiati tibetani in India.(Info: www.ewam.it).

Ven. Constance Miller

Ordinata nel 1978 come monaca buddhista da Kiabje Zong Rinpoche, la Ven. Constance Miller insegna filosofia e pratica buddhista nei centri buddhisti in Europa, Asia, e America dal 1982. Durante i suoi 37 anni come monaca buddhista, la Ven. Connie ha indirizzato la sua conoscenza e energia per portare la saggezza del Buddhismo nella cultura occidentale, focalizzandosi specificamente nei campi dell’ educazione e delle pubblicazioni. Oltre alla sua abilità professionale come revisore dei testi, Ven. Connie ha dedicato la sua energia per molti anni, allo sviluppo di Universal Education, aiutando Lama Thubten Yeshe a lanciare questo suo progetto fin dall’inizio negli anni ’80. Si è dedicata principalmente a sviluppare una chiara esposizione dei principi pedagogici che stanno alla base di questa iniziativa, ora chiamata Universal Education for Compassion and Wisdom (UECW). Nel corso degli anni ha servito in vari centri FPMT come insegnante residente. Al momento, Ven. Connie è un’insegnante residente all’Istituto Lama Tzong Khapa in Italia, dove progetta, sviluppa e insegna nuovi corsi e lavora per rendere più armoniosi gli approcci pedagogici tibetani e quelli occidentali nell’educazione buddhista in Occidente (Info: www.ILTK.org).

Schermata 2017-03-05 alle 17.33.48

Gruppi Psicoterapia 2014 – 2015

Psicoterapia e laboratori esperienziali in gruppo per uomini e donne con problemi di obesità.

Medicina Integrata per persone obese: psicoterapia, corpo e cibo

Il programma di medicina integrata per persone obese affronta l’obesità in tutti suoi aspetti, il corpo, la psiche e il nutrirsi, con i seguenti moduli di lavoro:
– Gruppo di psicoterapia
– Laboratorio psicomotorio

L’esperienza consapevole della relazione, sperimentata in gruppo, sostiene la curiosità e l’interesse verso l’altro, sostiene la scoperta delle differenze, delle simpatie e delle antipatie.
Il gruppo di psicoterapia offre un “luogo” per allenarsi alla presenza e alla consapevolezza nella relazione e dà l’opportunità di esercitare maggiori gradi di libertà nel contatto con l’altro, sollecitando la spontaneità e il senso critico.

Secondo questo modello integrato, elaborare consapevolmente le difficoltà della relazione, masticarle e digerirle, porta a una più sana relazione con il cibo: le patologie alimentari non possono essere curate in modo efficace e durevole se disgiunte dalla cura delle relazioni.

– Laboratorio “Mangio con te”

Il gruppo di psicoterapia è un laboratorio relazionale, che ha l’obbiettivo di sollecitare la consapevolezza del modo con cui si entra in contatto con l’altro e sottintende l’idea che il cibo sia uno dei nostri primari e primitivi modi d’interazione con l’altro e con il mondo.

L’esperienza consapevole della relazione, sperimentata in gruppo, sostiene la curiosità e l’interesse verso l’altro, sostiene la scoperta delle differenze, delle simpatie e delle antipatie.

Il gruppo di psicoterapia offre un “luogo” per allenarsi alla presenza e alla consapevolezza nella relazione e dà l’opportunità di esercitare maggiori gradi di libertà nel contatto con l’altro, sollecitando la spontaneità e il senso critico.

Secondo questo modello integrato, elaborare consapevolmente le difficoltà della relazione, masticarle e digerirle, porta a una più sana relazione con il cibo: le patologie alimentari non possono essere curate in modo efficace e durevole se disgiunte dalla cura delle relazioni.

Il laboratorio psicomotorio mira a far riprendere contatto con il proprio corpo, a riconoscere i suoi segnali e a sperimentare le sue reazioni al corpo dell’altro.
Il laboratorio “Mangio con te” invita a sperimentare i sapori e le relazioni con gli altri intorno alla tavola, con scambio d’informazioni sul cibo e i suoi significati simbolici, relazionali e culturali.

Schermata 2017-03-05 alle 17.35.12

Schermata 2017-03-05 alle 17.24.47

Praticare la mente: meditazioni di consapevolezza

Decimo programma:

Divenire sempre più consapevoli della nostra mente, sensibili ai suoi mutamenti continui, scoprire l’illusorietà e l’impermanenza anche delle idee che abbiamo circa noi stessi.

Il programma è composto da:

2 ore tutte le settimane (da settembre 2015 a luglio 2016), il martedì dalle 19 alle 20 e il giovedì dalle 15 alle 16.

3 giornate intere di meditazione.

Ven. Bhante Sujiva:

Monaco buddista Theravada, insegna meditazione Vipassana da 30 anni (www.bhantesujiva.eu).

Ven. Constance Miller:

Insegna filosofia e pratica buddhista, contribuisce al programma educativo UECW (Univ.ersal Education for Compassion and Wisdom., info: ILTK.org).


Laura Fabris:

Pratica Vipassana nella tradizione Buddhista Theravada.

Quando:

Venerdì 23 ottobre (14.30/18.00) ven. Bhante Sujiva;

sabato 7  novembre (9.30.00/18.00) Laura Fabris;

sabato 19 dicembre; 6 febbraio (9.30/18.00) Ven. Miller.

 

Schermata 2017-03-05 alle 17.17.45

Donne e Uomini

Psicoterapia con un gruppo.
Ventunesimo ciclo:

Chi partecipa ad un gruppo di psicoterapia ha deciso di fare un viaggio speciale, in compagnia di persone non ordinarie. Ha deciso di mettere a disposizione il suo tempo e la sua vita per qualcosa che quasi mai accade nella vita.

E se all’inizio del viaggio aveva un’idea di sé e degli altri, procedendo non potrà che cambiarla. I pochi  strumenti a disposizione per affrontare il viaggio dovrà cercarli dentro di sé: il coraggio, la disponibilità verso gli altri, l’impegno a stare onestamente con quello che accade, riconoscendo quello che prova lui o quello che sta provando l’altro; in altre parole la capacità di chiedere o dare l’aiuto che  può dare. Perché nessuno è un’isola, e nessuno può viaggiare sano e salvo da solo.

Modo:
I
l programma è composto da nove incontri. Le date possono essere cambiate solo con il consenso di tutti. Malattie a parte, le assenze non sono giustificate e non esimono dal pagamento della quota. Per alcune date, è prevista la presenza di colleghi senior a  co-condurre l’incontro.

Date:
20 febbraio; 12 marzo; 16 aprile; 14 maggio; 11 giugno; 9 luglio;10 settembre; 8 ottobre; 12 novembre.

Schermata 2017-03-05 alle 17.03.15

La Persona, la Relazione e il Campo.

Ottavo ciclo:

Gli incontri di supervisione sono occasione non ordinaria in cui i colleghi sono reciprocamente a disposizione per uno sguardo esterno, un riconoscimento emotivo, un confronto diagnostico o procedurale. Spesso le discussioni che nascono dalla lettura di una seduta hanno inattese e spesso sorprendenti conseguenze, sia dal punto di vista delle differenze, che da quello delle riflessioni che nascono da più menti che pensano insieme un sistema umano mentre al tempo stesso ne sono immersi.

Oggetto di questo ciclo di seminari in particolare aggiunge all’analisi di processo dei lavori, l’individuazione dei tre livelli lungo i quali è possibile seguire il processo del setting mentre questo è in corso: la persona, la relazione e il campo.


Date:
22 gennaio; 19 febbraio; 18 marzo; 22 aprile; 20 maggio; 17 giugno; 15 luglio; 23 settembre; 21 ottobre; 18 novembre.

Orario:
Dalle 15.00 alle 20.00.

 

Schermata 2017-03-05 alle 16.13.35

Seminari di Supervisione Clinica

Settimo ciclo:
Riconoscere la Presenza

In questa serie di seminari il lavoro del gruppo di supervisione sarà orientato ad un lavoro su un doppio livello: su un piano il lavoro della supervisione classica con cui osservare il dispiegarsi del lavoro del collega, notando i momenti e i motivi che lo inducono a lasciare il contatto, ad uscire dal flowing. Contemporaneamente saremo tutti impegnati ad osservare nei dettagli, soprattutto quelli più fini, i segnalatori dell’innesco del fluendo, i modi con cui esso si sostiene, con cui defluisce e infine si ritira. Il lavoro con l’altro, soprattuto quando è sofferente e umiliato dalla sofferenza al punto da chiedere un aiuto, è un modo extraordinario per mettere in discussione e alla prova la nostra capacità di farci da parte ed essere allo stesso tempo presenti, quanto basta per non dimenticare la nostra, di sofferenza.

Quella che ci ha portato a scegliere questo lavoro.

Quando:
16
gennaio; 20 febbraio; 20 marzo; 24 aprile; 15 maggio;
19 giugno; 10 luglio; 18 settembre; 16 ottobre; 20 novembre; 18 dicembre.

Venerdì, dalle 15.30 alle 20.00.

Dove:
IstitutoGift, Piazza Cairoli 12,  Pisa

 

Schermata 2017-03-05 alle 16.02.14

Gruppi di Psicoterapia della Gestalt

Gruppi di Psicoterapia della Gestalt.
Come mi batte forte il tuo cuore

Ventunesimo Ciclo:
Anche questo programma si svolgerà secondo i modi oramai consolidati: nove incontri lungo l’arco del 2015, in cui quattro uomini e quattro donne, affronteranno i loro temi esistenziali insieme agli altri. Il punto non è solo quello di parlare agli altri, quanto piuttosto di scoprire l’effetto che le nostre parole hanno negli altri, come pure l’effetto che le loro hanno sui nostri cuori. Parlare all’altro permette di vedere se stessi attraverso i suoi occhi, di vedere le differenze fra il nostro modo di pensarci e come ci percepiscono gli altri.  Si tratta di scoprirsi grazie agli occhi e al cuore degli altri. E viceversa.

Quando:
31 gennaio, 21 febbraio; 14 marzo; 23 maggio; 20 giugno;
26 settembre; 24 ottobre; 28 novembre; 12 dicembre.

Come:
Di sabato, dalle 8.30 alle 13.00.
Le assenze vanno evitate per quanto possibile, in rispetto di sé e degli altri e non esentano dal pagamento della propria quota.

Dove:
IstitutoGift, Piazza Cairoli, 12  Pisa.

 

 

1

Seminari 2015/2016

Seminari 2015/2016

Istituto Gift organizza seminari e programmi mirati a sostenere la consapevolezza del momento presente.

– Il programma dedicato alle pratiche di MeditazioneVipassana aiuta a prendere confidenza e acquisire una consapevolezza sensibile della propria mente nel qui ed ora.

– Il programma di lavoro corporeo con lo Yoga allena la percezione nel tempo presente, del proprio corpo sia in quiete, che in azione.

– La psicoterapia della Gestalt permette una presa di confidenza con le proprie e altrui emozioni e comportamenti nelle relazioni, mentre queste sono in corso.

IstitutoGift
Piazza Cairoli 12 Pisa
☏ 393.0000511
335. 5618001
FB: MeditazioneVipassanaPisa
IstitutoGift

Schermata 2017-03-05 alle 15.37.14

Per un approccio gestaltico ai sintomi e alle malattie

Per un approccio gestaltico ai sintomi e alle malattie.

I dialoghi del Corpo:
I sintomi sono segnali portatori d’informazione. Nei Nuovi Paradigmi non sono più considerati i nostri nemici, bensì degli alleati che possono aiutarci a trovare ciò di cui abbiamo bisogno, per ristabilire l’equilibrio e comprendere la malattia. Per far ciò dobbiamo imparare il linguaggio del nostro corpo, ascoltare i nostri organi, dialogare con loro, rispettandone le caratteristiche anatomiche e fisiologiche. E’ importante precisare che quest’approccio non è “alternativo” alle cure mediche (siano esse allopatiche o omeopatiche) bensì “parallelo”.  Si tratta di scoprire quale “messaggio” sta inviando l’organo al suo proprietario. Dopo una presentazione teorica dell’argomento, verrà mostrato il metodo “lavorando” gestalticamente eventuali sintomi o malattie organiche dei partecipanti.

Elisabetta Muraca:
Psicologa e Psicoterapeuta della Gestalt, formata in Italia e in Sudamerica. Docente presso S.I.G. (Roma e Cagliari) e C.S.T.G. di Milano. Formatasi con Jean Ambrosi, Marie Christianne Beaudox (Francia), con Alberto Melucci e Anna Fabbrini presso il Centro Alia di Milano. Nell’anno 1995 conosce Adriana Schnake, traduce in italiano il suo libro I Dialoghi del corpo, Edizioni Borla, Roma 1998 e comincia con lei una formazione sull’Approccio Gestaltico – Olistico alla salute e alla malattia. Attualmente collabora con la Schnake nel Diplomado Enfoque Holístico de la Salud y la Enfermedad presso il Centro Anchimalén di Chiloé (Cile). A Milano organizza regolarmente seminari di formazione specifici.

Quando:
Venerdì 9 & Sabato 10 ottobre 2015.

Come:
Il venerdì sera dalle 18.00 alle 21.00 parte teorica. Il sabato 9.00/18.00 parte esperienziale, lavoro con i sintomi ed eventuali supervisioni.

Dove:
Istituto GIFT Piazza Cairoli 12, Pisa.

Info:
I posti disponibili sono 16. Prenotazioni tramite sms al 335.5618001.
Solo per psicologi psicoterapeuti.

Costo:
160.00 € a persona (i.e.).

1

Seminari 2015/2016

Seminari 2015/2016

Istituto Gift organizza seminari e programmi mirati a sostenere la consapevolezza del momento presente.

– Il programma dedicato alle pratiche di MeditazioneVipassana aiuta a prendere confidenza e acquisire una consapevolezza sensibile della propria mente nel qui ed ora.

– Il programma di lavoro corporeo con lo Yoga allena la percezione nel tempo presente, del proprio corpo sia in quiete, che in azione.

– La psicoterapia della Gestalt permette una presa di confidenza con le proprie e altrui emozioni e comportamenti nelle relazioni, mentre queste sono in corso.

IstitutoGift
Piazza Cairoli 12 Pisa
☏ 393.0000511
335. 5618001
FB: MeditazioneVipassanaPisa
IstitutoGift